bob van asperen

Photo © Ulrich Lorscheider

J. S. Bach e i suoi precursori olandesi e tedeschi

12 luglio ore 18.00 e ore 20.30
Sala Capitolare del Bergognone

Bob van Asperen, nato nel 1947 ad Amsterdam, ha studiato al Conservatorio Sweelinck di Amsterdam, clavicembalo con Gustav Leonhardt e organo con Albert de Klerk, diplomandosi come solista nel 1971/72 e venendo subito assunto come professore di clavicembalo e basso al Conservatorio Reale dell’Aia e poi, per la stessa posizione, dal 1991 ad Amsterdam. Bob van Asperen si esibisce in tutto il mondo come solista al clavicembalo, al clavicordo e all’organo, nonché come solista di clavicembalo con orchestra. Ha diretto diverse orchestre con strumenti originali, tra le quali la European Union Baroque Orchestra in esibizioni come la Passione secondo Matteo di Bach. Ha inciso da solista un’ottantina di CD riconosciuti a livello internazionale, coprendo un repertorio dal 1550 al 1789, dei quali una quota consistente su strumenti originali. Tra questi si distinguono diverse registrazioni complete dei concerti per clavicembalo di Bach e i Concerti Amburghesi per clavicembalo di C. P. E. Bach. Per Aeolus ha inciso l’opera integrale vocale e strumentale di Johann Jacob Froberger (8 volumi) e di Louis Couperin (5 volumi) su cembali e organi storici. Ha registrato anche una vasta serie di opere clavicembalistiche di J. S. Bach, tra le quali, recentemente, L’Arte della Fuga. Molti dei suoi CD hanno ottenuto importanti riconoscimenti come Edison, Diapason d’Or, Dix du Répertoire, Choc du Monde de la Musique, Deutsche Schallplattenpreis, Preis der Deutschen Schallplattenkritik e Ondas de Música. Ha curato molte pubblicazioni in riviste e volumi internazionali su Froberger, Sweelimck e Bach. La rivista Répertoire ha descritto così le interpretazioni di van Asperen: “...émouvants points de rencontre entre un musicien génial et un interprète visionnaire” (“...toccanti punti d’incontro tra un musicista geniale e un interprete visionario”).